Carrello 0

Nessun prodotto

To be determined Spedizione
0,00 € Totale

Check out

Product successfully added to your shopping cart

Quantity
Totale

There are 0 items in your cart. There is 1 item in your cart.

Total products (tax incl.)
Total shipping (tax incl.) To be determined
Totale (tax incl.)
Continue shopping Proceed to checkout
Promo! Da Bartoli - Passito di Pantelleria Bukkuram Sole d'Agosto 2012

Passito di Pantelleria Bukkuram Sole d'Agosto 2013

Marco De Bartoli


Segni particolari: Buonissimo
Tipologia di vino: Dolce
Gradazione alcolica: 14%
Annata: 2013
Denominazione: Passito di Pantelleria
Regione: Sicilia
Formato: 0,50 l

Pantelleria. Un territorio che non si doma
Ogni anno la vendemmia racconta sensazioni e potenzialità diverse. Questo a Pantelleria è maggiormente amplificato. Marco De Bartoli durante la vendemmia ripeteva spesso che l’elemento indispensabile per ottenere il suo passito di Pantelleria era il “sole d’agosto”, proprio il mese in cui a Bukkuram si mettono ad appassire le uve. Bukkuram “Sole d’Agosto” è il passito che
annualmente viene prodotto nel vigneto di Bukkuram.

Come e quando il Passito.
Da abbinare con frutti di stagione,
dolci alla crema, pasticceria secca e cioccolato fondente.
Servire a 12-16°C.

Le Antiche Radici: il Bukkuram Sole d’Agosto
Le caratteristiche dell’uva appassita consentono di raccontare un territorio, con aromi e profumi che solo questa magica isola riesce a dare. Un passito giovane, fresco e fruttato, meno complesso e strutturato del tradizionale Bukkuram, in grado di regalare piacevoli sensazioni.

Zibibbo 100%
2.500 ceppi per ettaro coltivati ad alberello pantesco,  pratica agricola dichiarata dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità il 26 novembre 2014, con radici che hanno origini tra il 1950 ed il 1970 nel territorio di C.da Bukkuram, a Pantelleria. 25 hl di resa per ettaro raccolti la seconda settimana di agosto e la prima di settembre. Appassimento al sole del 50% delle uve per almeno due settimane in appositi stenditoi, delimitati da grossi muri in pietra lavica. La rimanente parte matura sulla pianta fino a settembre. A fermentazione avanzata, l’uva appassita in precedenza, e sgrappolata a mano, viene aggiunta al vino, a più riprese, e lasciata a macerare per circa tre mesi fino ad ottenere un equilibrato rapporto tra la componente alcolica e il residuo zuccherino. Segue un affinamento di 6 mesi prevalentemente in in vasca d’acciaio e un rapido passaggio in barrique di rovere francese non nuove.

Maggiori dettagli

Abbinamenti: Torta al cioccolato

45,00 € tasse incl.

-2,40 €

47,40 € tasse incl.

X 6 X 12

Commenti

Scrivi una recensione

Passito di Pantelleria Bukkuram Sole d'Agosto 2013

Passito di Pantelleria Bukkuram Sole d'Agosto 2013

Pantelleria. Un territorio che non si doma
Ogni anno la vendemmia racconta sensazioni e potenzialità diverse. Questo a Pantelleria è maggiormente amplificato. Marco De Bartoli durante la vendemmia ripeteva spesso che l’elemento indispensabile per ottenere il suo passito di Pantelleria era il “sole d’agosto”, proprio il mese in cui a Bukkuram si mettono ad appassire le uve. Bukkuram “Sole d’Agosto” è il passito che
annualmente viene prodotto nel vigneto di Bukkuram.

Come e quando il Passito.
Da abbinare con frutti di stagione,
dolci alla crema, pasticceria secca e cioccolato fondente.
Servire a 12-16°C.

Le Antiche Radici: il Bukkuram Sole d’Agosto
Le caratteristiche dell’uva appassita consentono di raccontare un territorio, con aromi e profumi che solo questa magica isola riesce a dare. Un passito giovane, fresco e fruttato, meno complesso e strutturato del tradizionale Bukkuram, in grado di regalare piacevoli sensazioni.

Zibibbo 100%
2.500 ceppi per ettaro coltivati ad alberello pantesco,  pratica agricola dichiarata dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità il 26 novembre 2014, con radici che hanno origini tra il 1950 ed il 1970 nel territorio di C.da Bukkuram, a Pantelleria. 25 hl di resa per ettaro raccolti la seconda settimana di agosto e la prima di settembre. Appassimento al sole del 50% delle uve per almeno due settimane in appositi stenditoi, delimitati da grossi muri in pietra lavica. La rimanente parte matura sulla pianta fino a settembre. A fermentazione avanzata, l’uva appassita in precedenza, e sgrappolata a mano, viene aggiunta al vino, a più riprese, e lasciata a macerare per circa tre mesi fino ad ottenere un equilibrato rapporto tra la componente alcolica e il residuo zuccherino. Segue un affinamento di 6 mesi prevalentemente in in vasca d’acciaio e un rapido passaggio in barrique di rovere francese non nuove.



Potrebbero piacerti

designed by RWcomunicazione