Carrello 0

Nessun prodotto

To be determined Spedizione
0,00 € Totale

Check out

Product successfully added to your shopping cart

Quantity
Totale

There are 0 items in your cart. There is 1 item in your cart.

Total products (tax incl.)
Total shipping (tax incl.) To be determined
Totale (tax incl.)
Continue shopping Proceed to checkout
Prezzi ridotti! Tenores 2012 Romangia Rosso igt - DETTORI

Tenores 2012 Romangia Rosso igt

Tenute Dettori


Segni particolari: Strepitoso
Tipologia di vino: Rosso
Gradazione alcolica: 16,5%
Annata: 2012
Regione: Sardegna
Formato: 0,75 l

NB: 1 bt: 37 euro 42 euro
3 bt: 33,90 euro cad. [spedizione inclusa]

Sotto trovate la descrizione dell'eccellente 2010, di questo 2012 ci parla Fabio D'Uffizi, che di Alessandro Dettori è il braccio destro e anche sinistro: "Molto buono, certamente diverso. Meno volatile, quindi meno esplosivo al naso ma molto più elegante, tannino più fitto. Certamente più longevo. Ha mezzo grado di alcol in meno rispetto al 2010".

Il Tenores 2012 è fatto con uve Retagliadu Nieddu, il clone antico del Cannonau di Sorso - Sennori. Il Cannonau a Sorso-Sennori (Romangia) è talmente storico ed antico da avere un nome tutto suo riconosciuto ed iscritto nell'Albo dei sinomini dei vitigni. A Sassari già nel 1560 il Comune (che imperava anche su Sorso-Sennori) emanò il regolamento dei prezzi del cannonau.

"Tenores 2010. Vino acceso e luminoso, che attira subito le labbra al bicchiere cangiante di alloro menta e senape, mora di gelso, fragola matura; in bocca si rivela energico e saporito con tannino graffiante e tanta sensazione marina e balsamica, nel finale una dolcezza struggente, mai faticosa, per una vena acido-sapida perfettamente calibrata94 

Così come la frase di Einstein sull’estinzione delle api, che precederebbe quella degli esseri umani di pochi anni, anche la famosa citazione sull’impossibilità del calabrone (o meglio del bombo) di volare in base alle leggi della fisica pare sia un’elegante e poetica bufala cui tutti fingono di credere. Ma se fosse vera sarebbe una frase perfetta per descrivere il Cannonau Tenores di Dettori, un vino che a guardarlo nei freddi dati analitici tra alcol, estrazione e struttura non dovrebbe essere piacevole o facilmente bevibile, mentre invece è un piccolo prodigio di territorio, succosità e puro piacere enoico." (Andrea Gori, Intravino)

Abbinamenti: Carni rosse Tagliere di formaggi Cacciagione

37,00 € tasse incl.

-5,00 €

42,00 € tasse incl.

X 6 X 12

Commenti

Scrivi una recensione

Tenores 2012 Romangia Rosso igt

Tenores 2012 Romangia Rosso igt

NB: 1 bt: 37 euro 42 euro
3 bt: 33,90 euro cad. [spedizione inclusa]

Sotto trovate la descrizione dell'eccellente 2010, di questo 2012 ci parla Fabio D'Uffizi, che di Alessandro Dettori è il braccio destro e anche sinistro: "Molto buono, certamente diverso. Meno volatile, quindi meno esplosivo al naso ma molto più elegante, tannino più fitto. Certamente più longevo. Ha mezzo grado di alcol in meno rispetto al 2010".

Il Tenores 2012 è fatto con uve Retagliadu Nieddu, il clone antico del Cannonau di Sorso - Sennori. Il Cannonau a Sorso-Sennori (Romangia) è talmente storico ed antico da avere un nome tutto suo riconosciuto ed iscritto nell'Albo dei sinomini dei vitigni. A Sassari già nel 1560 il Comune (che imperava anche su Sorso-Sennori) emanò il regolamento dei prezzi del cannonau.

"Tenores 2010. Vino acceso e luminoso, che attira subito le labbra al bicchiere cangiante di alloro menta e senape, mora di gelso, fragola matura; in bocca si rivela energico e saporito con tannino graffiante e tanta sensazione marina e balsamica, nel finale una dolcezza struggente, mai faticosa, per una vena acido-sapida perfettamente calibrata94 

Così come la frase di Einstein sull’estinzione delle api, che precederebbe quella degli esseri umani di pochi anni, anche la famosa citazione sull’impossibilità del calabrone (o meglio del bombo) di volare in base alle leggi della fisica pare sia un’elegante e poetica bufala cui tutti fingono di credere. Ma se fosse vera sarebbe una frase perfetta per descrivere il Cannonau Tenores di Dettori, un vino che a guardarlo nei freddi dati analitici tra alcol, estrazione e struttura non dovrebbe essere piacevole o facilmente bevibile, mentre invece è un piccolo prodigio di territorio, succosità e puro piacere enoico." (Andrea Gori, Intravino)



Potrebbero piacerti

designed by RWcomunicazione