Carrello 0

Nessun prodotto

To be determined Spedizione
0,00 € Totale

Check out

Product successfully added to your shopping cart

Quantity
Totale

There are 0 items in your cart. There is 1 item in your cart.

Total products (tax incl.)
Total shipping (tax incl.) To be determined
Totale (tax incl.)
Continue shopping Proceed to checkout

Franciacorta Dosaggio Zero 2014

Arcari + Danesi


Segni particolari: In riva al mare
Tipologia di vino: Spumante
Gradazione alcolica: 12%
Annata: 2014
Denominazione: Franciacorta
Regione: Lombardia
Formato: 0,75 l

NB: 1 bt: 26,5 euro
6 bt: 24,5 euro cad. [spedizione inclusa]

90% chardonnay, 10% pinot bianco, 11.000 bottiglie prodotte.
Supertecnico Nico, commerciante Giovanni, puntiglioso metodista il Danesi, spigliato uomo immagine e fantasista l'Arcari. Prima solo consulenti con TerraUomoCielo, poi anche produttori. Tre sono le parole che sintetizzano questa bottiglia: "Semplice, importante, bevibile".

L’Azienda Agricola Arcari + Danesi nasce nel 2006 da un’idea maturata 10 anni prima da parte di Giovanni Arcari e Nico Danesi. La cantina ha sede nel comune di Coccaglio ed è ricavata nella roccia del versante sud del Montorfano, rilievo geologico che definisce il confine meridionale del territorio franciacortino.

Gli ettari lavorati sono complessivamente cinque, la maggior parte dei quali coltivati a chardonnay, a seguire Pinot Nero e solo una piccola percentuale a pinot bianco. Essi attualmente si trovano nel comune di Coccaglio, terrazzati nei pressi all’azienda, e Capriolo.

Arcari + Danesi dal 2008 inizia a produrre Franciacorta con il Metodo SoloUva (senza zuccheri esogeni). Il metodo si fonda su un semplice concetto: l’uva è un frutto e come tale va raccolto al momento della sua maturazione. La vendemmia avviene quando l’uva è fenologicamente matura quindi, rispetto ad un metodo classico dove la raccolta è forzata dall’uomo a maturità tecnologica (cioè si raccoglie l’uva in funzione del livello di acidità e del grado zuccherino) quella del Metodo SoloUva è posticipata.

Dopo la vendemmia, la pressatura avviene in modo soffice, per preservare al massimo l’acidità del mosto. In tutte le fasi di vinificazione – nella fermentazione primaria, secondaria e nell’aggiunta di eventuale sciroppo di dosaggio - si utilizza zucchero autoprodotto (sotto forma di mosto congelato) con il fine di ottenere un prodotto che sia l’espressione naturale del frutto, senza dover utilizzare zuccheri esogeni (saccarosio o mcr).

Abbinamenti: Carni bianche Tagliere di salumi Insalate Piatti estivi

26,50 € tasse incl.

X 6 X 12

Commenti

Scrivi una recensione

Franciacorta Dosaggio Zero 2014

Franciacorta Dosaggio Zero 2014

NB: 1 bt: 26,5 euro
6 bt: 24,5 euro cad. [spedizione inclusa]

90% chardonnay, 10% pinot bianco, 11.000 bottiglie prodotte.
Supertecnico Nico, commerciante Giovanni, puntiglioso metodista il Danesi, spigliato uomo immagine e fantasista l'Arcari. Prima solo consulenti con TerraUomoCielo, poi anche produttori. Tre sono le parole che sintetizzano questa bottiglia: "Semplice, importante, bevibile".

L’Azienda Agricola Arcari + Danesi nasce nel 2006 da un’idea maturata 10 anni prima da parte di Giovanni Arcari e Nico Danesi. La cantina ha sede nel comune di Coccaglio ed è ricavata nella roccia del versante sud del Montorfano, rilievo geologico che definisce il confine meridionale del territorio franciacortino.

Gli ettari lavorati sono complessivamente cinque, la maggior parte dei quali coltivati a chardonnay, a seguire Pinot Nero e solo una piccola percentuale a pinot bianco. Essi attualmente si trovano nel comune di Coccaglio, terrazzati nei pressi all’azienda, e Capriolo.

Arcari + Danesi dal 2008 inizia a produrre Franciacorta con il Metodo SoloUva (senza zuccheri esogeni). Il metodo si fonda su un semplice concetto: l’uva è un frutto e come tale va raccolto al momento della sua maturazione. La vendemmia avviene quando l’uva è fenologicamente matura quindi, rispetto ad un metodo classico dove la raccolta è forzata dall’uomo a maturità tecnologica (cioè si raccoglie l’uva in funzione del livello di acidità e del grado zuccherino) quella del Metodo SoloUva è posticipata.

Dopo la vendemmia, la pressatura avviene in modo soffice, per preservare al massimo l’acidità del mosto. In tutte le fasi di vinificazione – nella fermentazione primaria, secondaria e nell’aggiunta di eventuale sciroppo di dosaggio - si utilizza zucchero autoprodotto (sotto forma di mosto congelato) con il fine di ottenere un prodotto che sia l’espressione naturale del frutto, senza dover utilizzare zuccheri esogeni (saccarosio o mcr).



Potrebbero piacerti

designed by RWcomunicazione